Pensione anticipata con metodo contributivo

Da diverso tempo ormai si parla di pensione anticipata con metodo contributivo per tutti i lavoratori. Uno studio condotto dal sindacato Uil fotografa i possibili effetti di questo cambiamento sull’entità degli assegni pensionistici.

Pensione anticipata sistema contributivo: assegni più leggeri fino al 35%

In caso di applicazione della pensione anticipata con metodo contributivo, gli assegni mensili per i lavoratori di ambo i sessi calerebbero dal 10 fino al 35%.

Questo è il principale risultato di un’indagine condotta dall’ufficio studi Uil, che ha effettuato alcune proiezioni in vista delle novità che presto potrebbero coinvolgere il sistema previdenziale.

L’occhio analitico si è concentrato in particolare sulla proposta del Presidente Inps Tito Boeri, che da mesi spinge perché si approvi l’applicazione del metodo contributivo per il calcolo degli assegni pensionistici di tutti i lavoratori.

Calcolo pensione anticipata con sistema contributivo: l’opinione di Proietti

Dure le parole del segretario confederale Uil Domenico Proietti, che ha definito l’idea di Boeri di applicare a tutti il metodo contributivo profondamente iniqua.

Secondo quanto affermato dal numero uno del sindacato, i calcoli effettuati dall’Inps in merito alla pensione anticipata con metodo contributivo sono ben lontani dall’effettiva situazione dei lavoratori italiani, che, in caso di concretizzazione della proposta dell’economista bocconiano, sarebbero interessati da conseguenze ben diverse da quelle prospettate dall’ente di previdenza.

Pensione anticipata con metodo contributivo: i calcoli della Uil

Per avvalorare i risultati dello studio sugli effetti della pensione anticipata con metodo contributivo, la Uil ha messo in campo anche dei precisi esempi di calcolo.

Nel caso di una lavoratrice di 62 anni con un’anzianità contributiva di 36 e reddito medio pari a 39.800€ annui nell’ultimo decennio, l’assegno subirebbe una decurtazione di circa 247€ mensili (-12,67%), considerando come base una pensione di 2.163€ risultante dal calcolo con il sistema misto, applicato in caso di anzianità contributiva inferiore ai 18 anni prima del 1995.

Calcolo pensione Inps: gli altri esempi nello studio Uil

Tra gli altri esempi presentati nello studio Uil si può ricordare anche quello di un lavoratore dipendente di 62 anni con alle spalle 35 anni di contribuzione e una carriera senza interruzioni.

Tenendo ferma l’appartenenza al regime retributivo fino al 2012 e un reddito medio di 33.000€ annui, in base alla normativa vigente il suo trattamento pensionistico sarebbe pari a 2.345€ lordi.

In caso di applicazione della pensione anticipata con metodo contributivo, la suddetta cifra subirebbe una decurtazione del 33,9%, con una perdita mensile di circa 796€, pari a più di 10.000€ annui.

Assieme ai dati dello studio, sono arrivate dalla Uil richieste in merito all’introduzione di una flessibilità in uscita per tutti i lavoratori, senza ulteriori penalizzazioni oltre a quelle attualmente in vigore.

Ultime notizie sulle pensioni

Rimborsi pensioni: decreto in arrivo lunedì 17 maggio Grande attesa per lunedì 17 maggio, il giorno in cui si dovrebbe chiarire la questione rimborsi pensioni, diventata nodale in seguito alla bocciatura da parte della Consulta dell’articolo 24 della Legge Fornero, dichiarato incostituzionale. Ultime n...
Novità Pensione Anticipata: previsto un taglio del 5% dal 2019 Continue news per quanto riguarda il mondo delle pensioni. Infatti coloro che vorranno andare in pensione dal 2019 dovranno attendere 5 mesi in più e subiranno un taglio dell’assegno tra il 4 e il 5%, perdendo 50 euro al mese su una pensione di 1.000...
Pensione scuola: come richiederla da 1° settembre 2015 Pensioni scuola: arrivano le indicazioni dell’Inps per inviare le domande L’Inps ha pubblicato le istruzioni per attivare la procedura di trasmissione dei dati per i pensionamenti a partire da settembre 2015. Tali istruzioni, contenute nel messaggio...
Flessibilità pensioni: ecco le misure per il 2017 La flessibilità pensioni è al centro delle discussioni previdenziali ormai da anni. Per vedere novità importanti bisognerà aspettare il 2017 e il testo ufficiale della Legge di Stabilità. Per ora di sicuro c’è solo l’introduzione dell’APE (acronimo d...
Calcolo della pensione: scopri quanto ti spetta Calcolo della pensione contributiva I criteri per il calcolo della pensione variano a seconda dell'anzianità contributiva maturata dal soggetto al 31 dicembre 1995. I lavoratori che a tale data non possono vantare contributi, sono soggetti al sistem...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: