Novità Pensione Anticipata: previsto un taglio del 5% dal 2019

Continue news per quanto riguarda il mondo delle pensioni. Infatti coloro che vorranno andare in pensione dal 2019 dovranno attendere 5 mesi in più e subiranno un taglio dell’assegno tra il 4 e il 5%, perdendo 50 euro al mese su una pensione di 1.000 euro, 75 euro su una di 1.500.

I cinque mesi in più della speranza di vita, infatti, incideranno sia sull’età pensionabile e sui requisiti contributivi sia sul calcolo del trattamento pensionistico.

Novità Pensione Anticipata: l'aumento dell'aspettativa di vita

Il taglio dell'assegno fino al 5% è da attribuire al risultato delle elaborazioni statistiche sull’aspettativa di vita da valutare per l’incremento di età pensionabile e requisiti contributivi svolte dal presidente dell'Istat Giorgio Alleva.

Emerge infatti che nel 2016 sul 2015 tanto per gli uomini quanto per le donne la speranza di vita è cresciuta di 5 mesi. Di conseguenza dal 2019:

  • l’età pensionabile salirà da 66 anni e sette mesi a 67 anni per la pensione di vecchiaia:
  • la contribuzione richiesta per quella anticipata passerà dai 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e dieci mesi per le donne (di contribuzione) a 43 e tre mesi e a 42 e tre mesi.

Come muteranno i coefficienti di trasformazione?

Tuttavia le novità pensione anticipata non finiscono qui, poiché la speranza di vita inciderà anche sui coefficienti di trasformazione, ossia su quei numeri che servono a trasformare, nel sistema contributivo, l’ammontare dei versamenti svolti in rendita.

I parametri sono costruiti e modificati periodicamente, dal 2012 ogni tre anni e dal 2019 ogni due anni, valutando una serie di variabili economiche e demografiche, quali incrementi dell’età media e della speranza di vita o indici di mortalità.

Ciò conferma che c'è un nesso tra l’andamento generale dell’economia, i fattori demografici e le modalità di trasformazione dei contributi in rendita. Quindi nel caso in cui l’economia tira, i numeri saranno più favorevoli, al contrario, la loro modifica periodica inciderà nel ridurre i futuri assegni previdenziali.

Riduzione degli assegni dal 2019

Considerando il trend del Pil degli ultimi anni e l’incremento dell’aspettativa di vita, si stima che i nuovi coefficienti porteranno alla riduzione degli assegni in liquidazione dal 2019.

In realtà l'abbassamento dell’importo dei trattamenti è cominciato dal 2013 con il primo mutamento dei coefficienti. Proviamo a spiegarci con un esempio pratico: ipotizzando un ammontare di contributi di 270mila euro, chi è in pensione nel 2009 a 65 anni l’importo annuo è stato pari a 16.500 euro.

Tuttavia nel 2013, con il  primo cambiamento dei coefficienti, la stessa somma di 270 mila euro si è tradotta in un importo annuo di 14.675. Con i nuovi coefficienti nel 2016, l’importo è sceso ancora a 14.300 euro annui.

Dal 2019, stando alle stime, si verificherà un'ulteriore sforbiciata di almeno il 5%. Con la stessa età di uscita, tale meccanismo di adeguamento automatico dei coefficienti porterà a una diminuzione ulteriore dell’importo della pensione.

Ultime notizie sulle pensioni

Chi prende pensioni d’oro: ecco gli assegni più alti Il nodo previdenziale è uno dei più importanti a livello di sostenibilità dei costi dello Stato. Gli esponenti politici e i tecnici che se ne sono occupati in questi anni lo hanno trattato chiedendosi anche chi prende pensioni d’oro. Pensioni più al...
Riforma delle pensioni: ecco i costi che comporterà La riforma delle pensioni è una delle novità più attese. Lo scenario previdenziale, caratterizzato da nodi molto gravi ormai da anni, attende un cambio di passo dopo la Legge Fornero. Misure per le pensioni 2017: cosa succederà La riforma delle pen...
Ultime notizie sulle pensioni: no tax area, APE ed esodati Le ultime notizie sulle pensioni non riguardano soltanto l’APE. In attesa delle novità che potrebbero profilarsi per i prossimi mesi molti esponenti politici si stanno esprimendo sulle modifiche in ambito previdenziale. Uno di questi è l’ex Minist...
Pensione anticipata senza penalità 2015 Pensione anticipata senza penalità: l’emendamento dell’onorevole Gnecchi A partire dal 2015 uomini e donne potranno andare in pensione a 62 anni senza tagli sull’assegno pensionistico Inps. Dal prossimo anno basterà infatti aver maturato almeno 42 a...
Ultime notizie riforma pensioni: cosa cambierà per i precoci In questi giorni di ripresa dei lavori istituzionali gli occhi dei media sono puntati sulle ultime notizie riforma pensioni. Per avere certezze sarà necessario attendere la legge di stabilità, anche se si può già parlare di una sicurezza quasi totale...

 

Maggiori informazioni qui: ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: