Novità Pensione Anticipata: previsto un taglio del 5% dal 2019

Continue news per quanto riguarda il mondo delle pensioni. Infatti coloro che vorranno andare in pensione dal 2019 dovranno attendere 5 mesi in più e subiranno un taglio dell’assegno tra il 4 e il 5%, perdendo 50 euro al mese su una pensione di 1.000 euro, 75 euro su una di 1.500.

I cinque mesi in più della speranza di vita, infatti, incideranno sia sull’età pensionabile e sui requisiti contributivi sia sul calcolo del trattamento pensionistico.

Novità Pensione Anticipata: l'aumento dell'aspettativa di vita

Il taglio dell'assegno fino al 5% è da attribuire al risultato delle elaborazioni statistiche sull’aspettativa di vita da valutare per l’incremento di età pensionabile e requisiti contributivi svolte dal presidente dell'Istat Giorgio Alleva.

Emerge infatti che nel 2016 sul 2015 tanto per gli uomini quanto per le donne la speranza di vita è cresciuta di 5 mesi. Di conseguenza dal 2019:

  • l’età pensionabile salirà da 66 anni e sette mesi a 67 anni per la pensione di vecchiaia:
  • la contribuzione richiesta per quella anticipata passerà dai 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e dieci mesi per le donne (di contribuzione) a 43 e tre mesi e a 42 e tre mesi.

Come muteranno i coefficienti di trasformazione?

Tuttavia le novità pensione anticipata non finiscono qui, poiché la speranza di vita inciderà anche sui coefficienti di trasformazione, ossia su quei numeri che servono a trasformare, nel sistema contributivo, l’ammontare dei versamenti svolti in rendita.

I parametri sono costruiti e modificati periodicamente, dal 2012 ogni tre anni e dal 2019 ogni due anni, valutando una serie di variabili economiche e demografiche, quali incrementi dell’età media e della speranza di vita o indici di mortalità.

Ciò conferma che c'è un nesso tra l’andamento generale dell’economia, i fattori demografici e le modalità di trasformazione dei contributi in rendita. Quindi nel caso in cui l’economia tira, i numeri saranno più favorevoli, al contrario, la loro modifica periodica inciderà nel ridurre i futuri assegni previdenziali.

Riduzione degli assegni dal 2019

Considerando il trend del Pil degli ultimi anni e l’incremento dell’aspettativa di vita, si stima che i nuovi coefficienti porteranno alla riduzione degli assegni in liquidazione dal 2019.

In realtà l'abbassamento dell’importo dei trattamenti è cominciato dal 2013 con il primo mutamento dei coefficienti. Proviamo a spiegarci con un esempio pratico: ipotizzando un ammontare di contributi di 270mila euro, chi è in pensione nel 2009 a 65 anni l’importo annuo è stato pari a 16.500 euro.

Tuttavia nel 2013, con il  primo cambiamento dei coefficienti, la stessa somma di 270 mila euro si è tradotta in un importo annuo di 14.675. Con i nuovi coefficienti nel 2016, l’importo è sceso ancora a 14.300 euro annui.

Dal 2019, stando alle stime, si verificherà un'ulteriore sforbiciata di almeno il 5%. Con la stessa età di uscita, tale meccanismo di adeguamento automatico dei coefficienti porterà a una diminuzione ulteriore dell’importo della pensione.

Ultime notizie sulle pensioni

Pensione per vecchiaia 2017: di cosa si tratta e chi può riceverla La pensione per vecchiaia 2017 è un trattamento che viene erogato ai lavoratori e alle lavoratrici che hanno raggiunto determinati requisiti anagrafici e contributivi. Nel secondo caso il minimo indispensabile è la maturazione di almeno 20 anni di co...
Diritto alla pensione: informazioni per il 2016 e gli anni successivi Quando si ha diritto alla pensione? La risposta a questa domanda è molto importante e dipende dal sesso del contribuente e dalla sua situazione lavorativa. Quando si ha diritto di andare in pensione nel 2016: ecco qualche specifica Il diritto alla ...
Pensione anticipata senza penalizzazioni fino al 2017 Pensione anticipata senza penalizzazioni fino al 2017, circolare Inps A quanti conseguiranno il diritto al pensionamento anticipato entro la fine del 2017 non saranno applicate penalizzazioni. Un’opportunità valida anche nell’eventualità in cui l’ac...
Pensioni d’oro 2016: come sarà risolta la questione nel 2016 Pensioni d'oro tagli: una panoramica Il termine pensioni d'oro è capace, da solo, di accendere gli animi e alimentare furiosi dibattiti. Il tema dei privilegi, infatti, rappresenta un nervo scoperto dell’opinione pubblica italiana. La sensazione è c...
Prepensionamenti statali Prepensionamenti statali 2015 Ancora molto acceso il dibatto legislativo attorno alla riforma che darebbe i via ai prepensionamenti nel pubblico impiego per l'anno 2015. Quello che a oggi è dato sapere è contenuto nella circolare della Funzione Pubb...

 

Maggiori informazioni qui: ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: