Novità Pensione Anticipata: previsto un taglio del 5% dal 2019

Continue news per quanto riguarda il mondo delle pensioni. Infatti coloro che vorranno andare in pensione dal 2019 dovranno attendere 5 mesi in più e subiranno un taglio dell’assegno tra il 4 e il 5%, perdendo 50 euro al mese su una pensione di 1.000 euro, 75 euro su una di 1.500.

I cinque mesi in più della speranza di vita, infatti, incideranno sia sull’età pensionabile e sui requisiti contributivi sia sul calcolo del trattamento pensionistico.

Novità Pensione Anticipata: l'aumento dell'aspettativa di vita

Il taglio dell'assegno fino al 5% è da attribuire al risultato delle elaborazioni statistiche sull’aspettativa di vita da valutare per l’incremento di età pensionabile e requisiti contributivi svolte dal presidente dell'Istat Giorgio Alleva.

Emerge infatti che nel 2016 sul 2015 tanto per gli uomini quanto per le donne la speranza di vita è cresciuta di 5 mesi. Di conseguenza dal 2019:

  • l’età pensionabile salirà da 66 anni e sette mesi a 67 anni per la pensione di vecchiaia:
  • la contribuzione richiesta per quella anticipata passerà dai 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e dieci mesi per le donne (di contribuzione) a 43 e tre mesi e a 42 e tre mesi.

Come muteranno i coefficienti di trasformazione?

Tuttavia le novità pensione anticipata non finiscono qui, poiché la speranza di vita inciderà anche sui coefficienti di trasformazione, ossia su quei numeri che servono a trasformare, nel sistema contributivo, l’ammontare dei versamenti svolti in rendita.

I parametri sono costruiti e modificati periodicamente, dal 2012 ogni tre anni e dal 2019 ogni due anni, valutando una serie di variabili economiche e demografiche, quali incrementi dell’età media e della speranza di vita o indici di mortalità.

Ciò conferma che c'è un nesso tra l’andamento generale dell’economia, i fattori demografici e le modalità di trasformazione dei contributi in rendita. Quindi nel caso in cui l’economia tira, i numeri saranno più favorevoli, al contrario, la loro modifica periodica inciderà nel ridurre i futuri assegni previdenziali.

Riduzione degli assegni dal 2019

Considerando il trend del Pil degli ultimi anni e l’incremento dell’aspettativa di vita, si stima che i nuovi coefficienti porteranno alla riduzione degli assegni in liquidazione dal 2019.

In realtà l'abbassamento dell’importo dei trattamenti è cominciato dal 2013 con il primo mutamento dei coefficienti. Proviamo a spiegarci con un esempio pratico: ipotizzando un ammontare di contributi di 270mila euro, chi è in pensione nel 2009 a 65 anni l’importo annuo è stato pari a 16.500 euro.

Tuttavia nel 2013, con il  primo cambiamento dei coefficienti, la stessa somma di 270 mila euro si è tradotta in un importo annuo di 14.675. Con i nuovi coefficienti nel 2016, l’importo è sceso ancora a 14.300 euro annui.

Dal 2019, stando alle stime, si verificherà un'ulteriore sforbiciata di almeno il 5%. Con la stessa età di uscita, tale meccanismo di adeguamento automatico dei coefficienti porterà a una diminuzione ulteriore dell’importo della pensione.

Ultime notizie sulle pensioni

Quale fondo pensione conviene? Cosa scegliere e perché Ormai è a dir poco imprudente fare affidamento esclusivo sulla pensione tradizionale. I contributi obbligatori, rispetto a qualche anno fa, non sono più una garanzia di rendita futura. Per fortuna oggi sono sempre di più le persone di ogni età che si...
Cosa significa pensione anticipata e come ottenerla? Guida Il panorama previdenziale cambia in continuazione e per capire meglio come funziona è bene informarsi su alcuni capisaldi. Questo vuol dire, per esempio, informarsi su cosa significa pensione anticipata. Pensioni anticipate: cosa prevede l’istituto ...
Pensione di vecchiaia anticipata per invalidità: Novità 2017 In Italia, fino a qualche decennio fa, la pensione era la meta conclusiva di una vita lavorativa e di contributi versati. Oggi è diventata un incubo per chi ha il diritto di percepirla e una illusione per le giovani generazioni. Ogni anno vengono ...
Pensione integrativa conviene o no? Ecco cosa sapere La pensione integrativa conviene o non conviene? Sono tanti gli utenti che si pongono questo interrogativo, spinti soprattutto dall’incertezza del sistema previdenziale, che non si sa se potrà sostenere le esigenze di tutti i lavoratori nei prossimi ...
News pensioni precoci: reddito di cittadinanza e proposta Damiano Pensioni precoci: una necessità Secondo alcuni la Riforma Fornero delle pensioni ha salvato l’Italia dal sicuro fallimento. Una verità che, sebbene indimostrabile, ha fin dall’inizio assunto i contorni della verosimiglianza. Ciò non toglie, però, ch...

 

Maggiori informazioni qui: ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: