Opzione Donne Proroga 2018, quali sono le ultime novità?

Molte persone nell’ultimo periodo stanno aspettando di avere novità sull’opzione donne proroga 2018. Questo argomento risulta essere particolarmente caro a tutte le donne nate dopo il 1958, dal momento che potrebbero andare in pensione a 57 anni avendo 35 anni di contributi.

Ma cosa riguarda la riforma pensioni opzione donna? Come viene effettuato il calcolo pensione opzione donna? Brevemente verranno date tutte le informazioni inerenti a questo argomento in modo da soddisfare ogni curiosità o fugare ogni dubbio.

Cos'è l'opzione donna

Quando si sente parlare della riforma pensioni opzione donna non si fa altro che citare una modifica apportata dal governo al modo in cui determinate persone di sesso femminile possono andare in pensione.

Nello specifico tutte le lavoratrici dipendenti, appartenenti al settore pubblico e privato, possono richiedere la pensione in caso abbiano raggiunto i 57 anni d’età entro il 31 dicembre (58 per le lavoratrici autonome).

L’altro requisito da soddisfare riguarda i contributi. Infatti è necessario aver versato almeno 35 anni di contributi entro la data precedentemente citata per poter andare in pensione.

Calcolo pensione opzione donna: come fare?

Per quanto concerne il calcolo della pensione riguardante la riforma opzione donna è possibile affermare che va calcolata in base a diversi fattori, come ad esempio:

  • età di uscita dal mondo del lavoro;
  • maturazione di 18 anni di contributi entro il 1995;
  • stipendio durante la carriera lavorativa.

Opzione donna ultime novità

Per quanto riguarda opzione donna ultime novità, le lavoratrici risultano essere piuttosto attente a questa tematica, tanto che molte donne hanno organizzato un comitato per raccogliere più firme possibili per ottenere la proroga della suddetta riforma pensionistica.

Tutto ciò viene effettuato mediante la piattaforma Change.org, noto sito per la creazione di numerose raccolte firme e progetti di varia natura. Secondo il comitato a favore della proroga i soldi sarebbero disponibili fin da subito. Il governo non dovrebbe far altro che allungare la validità di questa riforma entro il 30 settembre.

Motivazioni per la petizione sull'opzione donna

Le motivazioni che spingono il comitato opzioni donne proroga 2018 a combattere questa battaglia sono diverse e tutte molto importanti, quali:

  • tutela di anziani, nipoti e figli da parte delle persone che lascerebbero prematuramente il lavoro avendo comunque un reddito fisso che gli permetta di mantenersi;
  • liberazione di posti di lavoro per i giovani;
  • possibile sostentamento di tutte quelle donne che hanno perso il lavoro a 57 anni, in modo da eliminare l’erogazione di sussidi o ammortizzatori sociali.

Ultime notizie sulle pensioni

Pensione di reversibilità a chi spetta: guida Pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli Pensione di reversibilità a chi spetta? La pensione di reversibilità rappresenta un argomento importante soprattutto in alcuni contesti. Per esempio, quelli in cui a lavorare è solo il capofamig...
Prepensionamenti statali Prepensionamenti statali 2015 Ancora molto acceso il dibatto legislativo attorno alla riforma che darebbe i via ai prepensionamenti nel pubblico impiego per l'anno 2015. Quello che a oggi è dato sapere è contenuto nella circolare della Funzione Pubb...
Ultime notizie pensione anticipata, Renzi “maggior flessibilità in uscita&... Le ultime notizie pensione anticipata riguardano in particolare le parole del Premier Matteo Renzi, che ha promesso maggior flessibilità in uscita criticando le gestioni di questi ultimi anni, caratterizzate a suo avviso da eccessiva rigidità. Pensi...
Ultime notizie pensione anticipata 2017 Uno dei temi più discussi del 2017 è sicuramente quello delle pensioni anticipate. Nel corso della prima parte dell'anno numerosi sono stati i dibattiti e ancora più numerose le modifiche apportate alle leggi riguardanti le pensioni. Il fattore di...
Riforma pensioni 2015 novità precoci e opzione donna Riforma pensioni 2015 novità: il dibattito politico Con grande disappunto da parte dell’opinione pubblica – e delle sigle sindacali – il premier Matteo Renzi ha annunciato che la Legge di Stabilità non conterrà modifiche al sistema previdenziale. Il...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: