Pensione Anticipata Dipendenti Pubblici Novità 2017: APE Volontaria, APE Sociale e RITA

Quando si parla di pensione anticipata dipendenti pubblici si intende l'opportunità per un lavoratore, che abbia superato i 63 anni di età, sia del settore pubblico sia privato, di usufruire di due diverse soluzioni pensionistiche, quali:

  • l'anticipo pensionistico volontario;
  • l'anticipo pensionistico sociale.

Si tratta di due mezzi in grado di assicurare un reddito ponte fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia. Misure sperimentali che possiedono efficacia in collaborazione con gli istituti già in vigore, come l'Assicurazione Sociale e la Naspi.

L'APE consiste in un prestito, a tassi e condizioni vantaggiose, applicato sulla futura pensione percepita. Un mezzo pensionistico pensato e varato per essere applicato nei confronti di soggetti affetti da disabilità o che, in maniera prolungata, versano in uno stato di disoccupazione.

Pensione Anticipata Dipendenti Pubblici: APE volontaria

L'anticipo finanziario a garanzia pensionistica è un mezzo previdenziale collegato alla pensione di vecchiaia, devoluto dalla banca nell'arco di dodici mensilità annuali.

Tale trattamento può essere richiesto dai lavoratori autonomi, del settore privato e del settore pubblico, a eccezione dei liberi professionisti facenti parte delle casse professionali.

Per usufruire di questo finanziamento è fondamentale nel momento in cui la richiesta viene perfezionata:

  • aver compiuto il 63 anno di età e raggiunto i venti anni di contribuzione;
  • aver acquisito il diritto al trattamento pensionistico entro tre anni e sette mesi;
  • maturare una pensione futura pensione mensile pari o in misura superiore a 1,4 volte il valore minimale dell'Assicurazione generale obbligatoria;
  • non percepire pensione di invalidità o pensione diretta.

Il richiedente deve inviare domanda direttamente all'Inps, decadente a momento in cui il lavoratore abbia maturato diritto alla pensione di vecchiaia.

APE sociale

L'APE sociale rappresenta un mezzo transitorio che accompagna il lavoratore al pensionamento ed è rivolto a soggetti affetti da disabilità e da disoccupazione prolungata nel tempo.

L'individuo che abbia intenzione di presentare domanda deve aver compiuto il 63 anno di età, senza percepire alcuna pensione diretta.

Il conguaglio economico avviene fino al momento in cui quest'ultimo maturi il diritto alla pensione di vecchiaia.

Oltre al raggiungimento dell'età minima, il contribuente deve aver raggiunto almeno la trentesima annualità contributiva, acquisendo il diritto al trattamento pensionistico entro la scadenza di tre anni e sette mesi.

Riguardo ai lavoratori svolgenti mansioni rischiose, le annualità contributive minime diventano 36.

RITA

Con l'acronimo RITA si intende la rendita integrativa temporanea anticipata e spetta al lavoratore che abbia sviluppato un fondo integrativo.

Gli viene infatti concesso di accedere a tale somma prima di raggiungere l'età pensionabile, fino a che questa non venga raggiunta.

Questo istituto subirà un trattamento fiscale maggiormente agevole rispetto a quella attuata per gli anticipi e nella medesima misura rispetto a quella messa in atto sul trattamento previdenziale complementare. Il richiedente deve aver compiuto 63 anni e 20 anni di contributi.

Ultime notizie sulle pensioni

Pensioni riforma: ecco come cambierà il pacchetto previdenziale Il tema pensioni riforma è al centro dell’attenzione da diversi mesi. Ormai non resta che attendere l’approvazione del testo della Legge di Stabilità per capire come si configurerà il pacchetto previdenziale l’anno prossimo. Pensioni flessibilità: c...
Prestiti in convenzione Inps: le principali proposte di finanziamento I prestiti in convenzione Inps sono soluzioni di accesso al credito proposte da istituti di credito che hanno stabilito delle partnership con l’Ente, grazie alle quali gli utenti possono richiedere somme di denaro a condizioni particolarmente agevola...
Pensioni 2016 requisiti: i criteri da rispettare Requisiti pensioni 2016 Ancora in Parlamento si discute sui progetti di riforma delle pensioni ipotizzando l’anticipo dell’uscita dal lavoro oltre a diverse flessibilità, nonostante le possibili modifiche però sono state introdotte le novità dall’In...
Penalizzazione pensione anticipata: addio definitivo alle disincentivazioni La penalizzazione pensione anticipata, introdotta con la Legge Fornero nel 2012, è stata definitivamente mandata in soffitta. Legge di Bilancio: niente più penalizzazioni per chi decide di andare in pensione prima dei 62 anni Grazie alla legge 232/...
Quale pensione integrativa fare? Guida tecnica L’incertezza relativa al futuro previdenziale porta tante persone a chiedersi quale pensione integrativa fare? Darsi risposte in merito è fondamentale, in quanto non è automatico che il sistema statale nei prossimi decenni sia in grado di erogare a t...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: