Pensione Anticipata Dipendenti Pubblici Novità 2017: APE Volontaria, APE Sociale e RITA

Quando si parla di pensione anticipata dipendenti pubblici si intende l'opportunità per un lavoratore, che abbia superato i 63 anni di età, sia del settore pubblico sia privato, di usufruire di due diverse soluzioni pensionistiche, quali:

  • l'anticipo pensionistico volontario;
  • l'anticipo pensionistico sociale.

Si tratta di due mezzi in grado di assicurare un reddito ponte fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia. Misure sperimentali che possiedono efficacia in collaborazione con gli istituti già in vigore, come l'Assicurazione Sociale e la Naspi.

L'APE consiste in un prestito, a tassi e condizioni vantaggiose, applicato sulla futura pensione percepita. Un mezzo pensionistico pensato e varato per essere applicato nei confronti di soggetti affetti da disabilità o che, in maniera prolungata, versano in uno stato di disoccupazione.

Pensione Anticipata Dipendenti Pubblici: APE volontaria

L'anticipo finanziario a garanzia pensionistica è un mezzo previdenziale collegato alla pensione di vecchiaia, devoluto dalla banca nell'arco di dodici mensilità annuali.

Tale trattamento può essere richiesto dai lavoratori autonomi, del settore privato e del settore pubblico, a eccezione dei liberi professionisti facenti parte delle casse professionali.

Per usufruire di questo finanziamento è fondamentale nel momento in cui la richiesta viene perfezionata:

  • aver compiuto il 63 anno di età e raggiunto i venti anni di contribuzione;
  • aver acquisito il diritto al trattamento pensionistico entro tre anni e sette mesi;
  • maturare una pensione futura pensione mensile pari o in misura superiore a 1,4 volte il valore minimale dell'Assicurazione generale obbligatoria;
  • non percepire pensione di invalidità o pensione diretta.

Il richiedente deve inviare domanda direttamente all'Inps, decadente a momento in cui il lavoratore abbia maturato diritto alla pensione di vecchiaia.

APE sociale

L'APE sociale rappresenta un mezzo transitorio che accompagna il lavoratore al pensionamento ed è rivolto a soggetti affetti da disabilità e da disoccupazione prolungata nel tempo.

L'individuo che abbia intenzione di presentare domanda deve aver compiuto il 63 anno di età, senza percepire alcuna pensione diretta.

Il conguaglio economico avviene fino al momento in cui quest'ultimo maturi il diritto alla pensione di vecchiaia.

Oltre al raggiungimento dell'età minima, il contribuente deve aver raggiunto almeno la trentesima annualità contributiva, acquisendo il diritto al trattamento pensionistico entro la scadenza di tre anni e sette mesi.

Riguardo ai lavoratori svolgenti mansioni rischiose, le annualità contributive minime diventano 36.

RITA

Con l'acronimo RITA si intende la rendita integrativa temporanea anticipata e spetta al lavoratore che abbia sviluppato un fondo integrativo.

Gli viene infatti concesso di accedere a tale somma prima di raggiungere l'età pensionabile, fino a che questa non venga raggiunta.

Questo istituto subirà un trattamento fiscale maggiormente agevole rispetto a quella attuata per gli anticipi e nella medesima misura rispetto a quella messa in atto sul trattamento previdenziale complementare. Il richiedente deve aver compiuto 63 anni e 20 anni di contributi.

Ultime notizie sulle pensioni

Pensioni Inps: requisiti di accesso per 2015 e anni successivi Quali sono i requisiti di accesso alle pensioni Inps per il 2015? Ecco qualche informazione con specificazioni sui prossimi anni. Inps: i requisiti per la pensione di vecchiaia I requisiti 2015 per il diritto alla pensione di vecchiaia prevedono il...
Detrazioni d’imposta per redditi di pensione Parlare di detrazioni d’imposta per redditi di pensione significa considerare prima di tutto il fatto che il reddito derivante da pensione è equiparato a quello da lavoro dipendente e quindi soggetto al medesimo trattamento Irpef. Nel caso del tra...
Disoccupazione: ecco le opzioni di sostegno Inps Quali sono le principali opzioni di sostegno ai soggetti in stato di disoccupazione da parte dell'Inps? Esistono diverse alternative in base alla singola situazione. Passiamo in rassegna i possibili scenari che possono aprirsi e le diverse opportunit...
Anticipo pensione APE: lo schema per la flessibilità in uscita La Legge di Bilancio 2017 è stata approvata e con essa il pacchetto previdenziale, che prevede l’anticipo pensione APE. Si tratta della concretizzazione della flessibilità in uscita. APE: informazioni tecniche Cos’è l’anticipo pensione APE? A livel...
Riforma pensioni 2016: Renzi “i numeri non sono chiari” Riforma delle pensioni dal 2016, Renzi: non possiamo agire senza cifre chiare La flessibilità in uscita slitta al 2016. Lo ha annunciato ieri sera, 11 ottobre 2015, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi intervistato da Fabio Fazio a Che Tempo Che...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: